RockShots presenta i Desource!

Valutazione attuale:  / 2
ScarsoOttimo 

I DESOURCE nascono nell'ormai lontano 2007 allora conosciuti come MY SWEET NIGHTMARE cercando di imporsi prima come tribute band Metalcore (ispirandosi a gruppi come Killswitch Engage, Darkest Hour, As I Lay Dying, Poison The Well).

E' dopo aver trovato una prima line up stabile che il progetto comincia a sfornare musica originale, mescolando in modo accattivante Progressive Metal, Rock e Hardcore.

Attraverso non pochi sacrifici e numerosissimi cambi di line up il gruppo subisce una considerevole evoluzione rimanendo comunque una solida realtà' nella scena musicale underground umbra avendo anche l'occasione di suonare in palchi prestigiosi come The Music Village o aprire per gruppi blasonati nella scena hardcore/metal europea come Locked In, Helia e The Secret.

 

Nel frattempo il gruppo, nonostante la fase ancora embrionale del progetto, si fa notare anche all'estero stuzzicando l'attenzione di top producers come Joe Barresi (Tool, QOTSA, Parkway Drive) e Greg Haver (Bullet From My Valentine, Mumford & Sons), prima di arrivare quasi allo scioglimento nell'estate 2010.

E' durante l'inverno 2011 che il gruppo subisce la definitva trasformazione cambiando per l'ennesima volta line up e monicker: DESOURCE segna l'inizio di una nuova era per il gruppo, che finalmente trova la stabilita' ideale per registrare durante l'estate 2012 "Dirty Happines", prodotto dalla band assieme ad Alessandro Gavazzi (To Kill, Jet Market) e mixato da Simone Mularoni (DMG, Dawn Under Eclipse).

L'album, oltre a raccontare in forma musicale la storia di ogni componente del gruppo, rappresenta l'epitaffio di ciò' che significa suonare musica pesante nel 2012, una chimera sonora dalle mille sfaccettature dove tecnica e intensità' emotiva si mescolano in un cocktail letale.

Guarda il Videoclip >>

Pin It

7corde.it on Facebook


Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito.
Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.