Gabriels “Prophecy” - Indipendence Records

Valutazione attuale:  / 6

Gabriels "Prophecy"“Prophecy”, Rock Opera del pianista e compositore siciliano Gabriels (che, dopo una serie di EP/demo, giunge alla prova del full-length), può essere collocato sulla scia dei lavori di famosi e blasonati gruppi come Avantasia ed Aina.

Ci si aspetta che “Prophecy”, ideato e realizzato da un pianista/tastierista, sia inondato da orchestrazione ed assoli ridondanti: è esattamente così, ma fortunatamente c'è dell'altro ed i brani risultano comunque godibili.

La Rock Opera (definita così dallo stesso Gabriels, ma è forse più esatto parlare di Symphonic Power Metal) è dedicata all'attentato delle Torri Gemelle; il concept si sviluppa attraverso l'utilizzo di diversi personaggi, interpretati dai cantanti che hanno partecipato.

Leggi tutto e Guarda il Video >>

Motorfingers “Black Mirror” - logic(il)logic

Valutazione attuale:  / 6

motorfingers black mirrorCosa succede quando si mescolano influenze di gruppi quali Metallica, Motley Crue, Guns‘n’Roses ed anche un po’ di Nickelback? I Motorfingers l’hanno fatto e ne è venuto fuori il favoloso “Black Mirror”.

I modenesi Clay (voce), Max (chitarra), Spy (chitarra), Nox (basso) ed Alex (batteria) avevano le idee ben chiare quando hanno iniziato a lavorare al loro debut album: tirare fuori tutta l’energia che avevano accumulato in anni di esperienza nel settore ed unire il loro talento per creare un album degno di far parte della scena Rock moderna.

Leggi tutto ed Ascolta un Brano >>

Stef Burns League "Roots & Wings" - Ultratempo/Self

Valutazione attuale:  / 8

Stef Burns "Roots & wings" copertinaIl talentuoso chitarrista californiano, noto per l'incredibile passionalità e lo straordinario rapporto empatico con le sei corde, all'attivo ha moltissime collaborazioni, tra cui Alice Cooper, Prince, Huey Lewis & The News e Vasco Rossi.

A distanza di sei anni dall'ultimo album solista, Stef Burns è tornato, più emozionante che mai. "Roots & Wings" (edito da Ultratempo/Self) si dichiara da subito un lavoro di netto stampo Rock.

La rotta è quella delineata dal precedente "World Universe Infinity”, nel quale il chitarrista ha iniziato a dedicarsi anche alle parti vocali.

Undici brani, di cui due strumentali, incorniciano emozioni intense e consacrano l'artista come autore e compositore, oltre che virtuoso strumentista.

Leggi tutto e Guarda il Video >>

Aeon Zen "Self Portrait"

Valutazione attuale:  / 3

Aeon Zen - Self Portrait copertinaSullo scenario Progressive Metal inglese tornano gli Aeon Zen con un nuovo grandioso EP dal titolo "Self Portrait", una collezione di rivisitazioni di alcuni pezzi del loro album di debutto, con in più una composizione completamente nuova ed inedita.

Come ha dichiarato lo stesso Rich Hinks (chitarrista, bassista nonché creatore degli Aeon Zen), da queste nuove registrazioni la band mostra la sua continua crescita, sia in termini di songwriting che di arrangiamento, e conferma con successo la forte coesione lavorativa dei quattro musicisti (oltre ad Hinks, Andi Kravljaca per le voci, Matt Shephers alla chitarra e Steve Burton alla batteria).

Leggi tutto e Guarda il Video >>

Lothloryen "Some ways back some more" - Power Prog Records

Valutazione attuale:  / 4

Lothloryen "Some ways back some more - copertina"Some ways back some more" dei brasiliani Lothloryen è la reissue, parzialmente riregistrata e remixata di "Some ways back no more" del 2008.

Etichettato come Folk Metal, questo lavoro della band può essere considerato un disco di solido Metal melodico caratterizzato da un buon riffing, definito e potente, da suggestivi e presenti spunti Folk e dall'apparire sporadico di elementi ritmici di stampo Prog.

I Lothloryen (Daniel Felipe: voce, Leko Soares e Tim Alan Wagner; chitarre, Marshall Godde: basso, Marcelo Benelli: batteria, Leo Godde: tastiere) suonano con un buon tiro ritmico, groove e precisione nell'accompagnamento.

Leggi tutto e Guarda il Video >>

Silent Voices “Reveal The Change” - Inner Wound Recordings

Valutazione attuale:  / 9

Silent Voicees - reveal the change copertinaAndando a dare un’occhiata alla formazione dei Silent Voices prima dell’ascolto di “Reveal The Change” ci si carica di grandi aspettative.

Il gruppo si avvale della presenza di nomi noti al pubblico Prog/Metal, quali Timo e Pasi Kauppinen (chitarra e basso), Henrik Klingenberg (tastiere), Jukka-Pekka Koivisto (batteria), Teemu Koskela (voce), tutti provenienti da bands come Sonata Arctica, Requiem, Winterborn.

Leggi tutto ed Ascolta un Brano >>

7corde.it on Facebook


Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito.
Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.